scuola@umanimalmente.it +39 331 4642747

Notizie
20 Giugno 2022

La scienza della Pet Therapy e il mondo magico della “Collina degli elfi” come modello da acquisire in realtà di cura e riabilitazione

È noto quanto le emozioni negative e lo stress, specie se protratti nel tempo, aumentino la vulnerabilità del sistema fisico alle malattie e ne peggiorino i sintomi, mentre le emozioni positive influenzino in maniera significativa la salute dell’individuo. Nel 1948 l’Organizzazione Mondiale della Sanità definì la salute come “stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non meramente l’assenza di malattia o infermità”, dando voce al concetto di salute quale situazione di armonico equilibrio funzionale, fisico e psichico dell’individuo.

Queste osservazioni negli ultimi anni trovano sempre più riscontro nell’avanzare delle scoperte della PsicoNeuroEndocrinoImmunologia (P.N.E.I.), scienza che studia la biologia e la salute umana facendo emergere come il nostro organismo sia una unità strutturata e interconnessa, dove i sistemi psichici e biologici si condizionano reciprocamente. L’equilibrio salute-malattia è fortemente influenzato dalle emozioni e dalle connessioni del cervello con i sistemi immunologico ed endocrinologico.

elfi2Quando, per esempio, un bambino si trova in uno stato di malattia, l’ospedalizzazione e la routine clinica a volte creano sentimenti negativi e meccanismi psicofisiologici come paura, ansia, tristezza, che possono sopraffare il piccolo paziente ed influire su diversi aspetti organici attraverso la produzione di molecole che influenzano negativamente le normali risposte fisiologiche e immunitarie. Distrarre il bambino, fargli provare emozioni positive che conducano la sua mente e il suo corpo ad uno stato di benessere, ha effetti sulla produzione di ormoni e molecole che regolano in maniera positiva la risposta al dolore, come ampiamente dimostrato. In questo migliorato stato psicofisico aumentano la collaborazione alle terapie, l’autostima e il senso di aderenza e normalità, seppur in contesti di cura.

Nel caso della pet-therapy, in letteratura scientifica sono numerose le evidenze che dimostrano come, per i bambini ospedalizzati, la presenza di un cane faccia diminuire lo stress, l’ansia, la paura, la noia e il dolore; il rapporto con un animale crea una serie di stati emozionali gratificanti che intervengono sul sistema endorfinico e della produzione di mediatori responsabili dell’innalzamento del tono dell’umore e della sensazione di benessere. La misurazione di importanti parametri fisiologici ha chiarito come, durante le sedute con animali, vi sia una diminuzione della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, un’attenuazione della risposta allo stress così come indicato dai livelli di importanti mediatori misurati quali cortisolo, adrenalina e diversi tipi di endorfine.

elfi2Le terapie complementari quali la pet-therapy, e diverse altre, acquisiscono dunque un significato emozionale e scientifico profondo di cura della persona, aiutando a migliorare il luogo di trattamento e promuovendo un ambiente di guarigione e benessere psicofisico che si coniugano con la definizione di salute totale dell’individuo. Diviene di fondamentale importanza il contesto bio-psico-sociale nello svolgersi della malattia e della guarigione, guardando ai bisogni multidimensionali della persona da cui far scaturire un piano integrato di cura e assistenza, che non ha come unico focus la malattia, ma la persona nella sua essenza.

Esiste un posto dove tutto questo è realizzato e integrato in maniera armonica e meravigliosa, divenendo possibilità e modello: La Collina degli Elfi.

La Collina degli Elfi  è una realtà fondata da persone speciali e preparate  che hanno creato una rete di sostegno e integrazione, conducendo diversi  progetti e attività  di recupero psicofisico per bambini malati di cancro e per le loro famiglie, che si svolgono all’interno di un contesto educativo e naturalistico senza pari; due anni fa  ho avuto modo di sperimentare personalmente,  con un progetto di pet-therapy con il mio amato cane Lillo e la nostra presidente Miriam Borra, cosa significa incontrare e dare benessere a questi bambini e alle loro famiglie. La Collina degli Elfi è un luogo del cuore, dove la bellezza della vita, della natura, della condivisione, dell’ascolto si respirano in ogni angolo, in ogni sorriso, in ogni gesto. Dove la Vita emerge, fortemente, sempre. 

elfi1Il 20 Maggio scorso, ho partecipato al congresso organizzato da loro intitolato "IL GIOCO DELLA VITA OLTRE LA MALATTIA, IL BAMBINO MALATO DI CANCRO E LA SUA FAMIGLIA: DALLA CURA ALLA RIABILITAZIONE PSICO-FISICA”; personalmente ho vissuto questo convegno, come un incontro emotivamente molto intenso come mamma, come sanitaria e come operatore di pet-therapy. La Dott.ssa Miriam Borra ha partecipato al convegno con il suo intervento "Il cane a La Collina degli elfi: un alleato unico e speciale contro la malattia", un momento di condivisione ricco di spunti su cui riflettere e contenuti interessanti e sorprendenti. È stato incredibile vedere come in questa realtà si riescano a coniugare la complessità di una patologia come il cancro e le cure con la capacità di gestire l’unicità irripetibile della persona nel suo contesto. Il merito immenso di questo incontro, a mio avviso, è stato di portare in relazione e confronto diverse figure professionali che hanno in cura e in carico la malattia e il post malattia del bambino oncologico, dimostrando come sia di fondamentale importanza la presenza di un approccio interdisciplinare tra le varie professioni, quali i medici, gli psicologi, i professionisti sociali, gli educatori e i volontari, preziosi e unici...

Un congresso di grande levatura scientifica ed emozionale come fusione doverosa di conoscenza e cura. Quel giorno, tra le testimonianze, le relazioni, le storie si è percepito quanto la Collina degli Elfi sia base e modello per un percorso imprescindibile di individualità e unicità nel percorso di questi pazienti. Perché quando un bambino è malato... tutto diviene malato; proprio per questo, quando le competenze si fondono in un tutt’uno armonico di luce e cura, allora questo sogno, sostenuto con impegno, amore e professionalità diviene rinascita, diviene meravigliosa possibilità.

Dr.ssa Ylenia Bosio
Biotecnologa, PhD in Biotecnologie Molecolari.
Tecnico di Laboratorio Biomedico, Embriologa.
Operatore di IAA, conduttore del cane.

Seguici su
UAM - Umanimalmente
  • Via Grugliasco, 11, 10040
    Dojrone (TO)
  • +39 331 4642747
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© UAM - Umanimalmente 2022 - P.IVA 10199750018  - Privacy Policy - Cookie Policy - Credits