Side Menu

Seguici sui Social!

Ultime News
 
   

Un bilancio del progetto “Mi Fido di Te”

Promossi o Bocciati? È Tempo di vacanza anche per i nostri maestri a quattro zampe!

Un bilancio del Progetto “Mi Fido di te”!

Anche per quest’anno si è conclusa l’esperienza del Progetto Mi Fido di Te che ha coinvolto i bambini e i ragazzi delle Scuole del Comune di Grugliasco (TO)!

E allora è tempo di bilancio….

Ricordiamo che il Progetto, ha accompagnato i Nidi d’Infanzia, le Scuole dell’Infanzia e le Scuole Primarie e Secondarie di Primo grado a partire da Novembre 2016 e si è concluso a Maggio 2017.

6 mesi in cui i bambini e ragazzi coinvolti hanno conosciuto dei nuovi maestri a quattro zampe che hanno insegnato loro il corretto approccio verso il cane, il rispetto per il diverso, aiutandoli ad acquisire maggiore consapevolezza di sé stessi, del proprio corpo e delle proprie emozioni.

Gli Incontri, della durata di 30/50 minuti (in relazione all’età dei bambini) si sono sviluppati a cadenza settimanale e hanno visto come protagonisti 3 Referenti di Intervento dell’Associazione UAM-Umanimalmente (Arianna Pallard, Sonia Ciraolo e Veronica Coppola) formati in IAA secondo le Linee Guida Nazionali del Ministero della Salute del 2015 e 3 Coadiutori del cane dell’Associazione UAM-Umanimalmente (Olivia Tschuor, Valeria Volpino e Miriam Borra) con i loro inseparabili amici a 4 zampe (Happy, Miki ed Happy) abilitati CSEN agli IAA.

Sonia Ciraolo, ci ha spiegato cosa è stato proposto negli incontri programmati:

 

Le attività proposte sono attività di natura educativa che prevedono nozioni di conoscenza delle caratteristiche fisiche del cane coinvolto nelle attività (come è fatto, di che colore è, le dimensioni, le caratteristiche del pelo, ecc.), e informazioni generali sui suoi bisogni; vere e proprie pillole educative che insegnano ai bambini il corretto approccio, anche attraverso attività di avvicinamento e di interazione diretta.

A coppie, i bambini sono accompagnati verso il cane, mostrando loro e facendo provare come ci si presenta e ci si avvicina, oltre a fargli sperimentare la passeggiata a doppio guinzaglio e un po’ di educazione civica come la raccolta della cacca (finta), attività, quest’ultima, che diverte sempre molto i bambini!

I benefici apportati sono quelli del giocare insieme, dello stare bene insieme e instaurare una buona relazione con l’amico a 4 zampe.

Capita anche che a distanza di tempo si incontrino i bambini che hanno beneficiato di queste attività e che gli stessi chiedano informazioni sul cane che hanno conosciuto e raccontino ai genitori quello che hanno imparato.

 

Per quanto riguarda i bambini delle Scuole Primarie, le attività proposte sono attività collaborative, basate prevalentemente sul gioco (gioco a squadre, giochi di gruppo, ecc.). Oltre al corretto approccio con il cane, si propongono giochi anche sulla conoscenza delle razze e attività di zoomimica in cui “ci si mette nella pelliccia del cane”.

Molto interessante e coinvolgente è stata l’attività ludica che partendo dalle tipologie di razze scelte dai bambini ha sviluppato e fatto conoscere i “lavori” che ciascuna di esse è portata a svolgere: es. Border Collie-Conduttore del gregge, Pastore Tedesco-Poliziotto (gioco Guardie e Ladri), Husky-Cane da Traino delle slitte (gioco del Percorso a ostacoli), Dalmata-Cane da accompagnamento delle carrozze dei nobili con i cavalli (gioco della Passeggiata al doppio guinzaglio).

Al termine del Progetto i bambini hanno espresso grande soddisfazione, si sono divertiti, hanno appreso tante informazioni sul mondo del cane e soprattutto hanno portato a casa la conoscenza e il rispetto per il diverso, la collaborazione tra pari e la fiducia in sé e negli altri, perché in fondo si sa… il cane è portatore sano di sorrisi!

Possiamo quindi concludere affermando che le attività con la presenza del cane in contesto scolastico permettono di migliorare alcune abilità mentali come la capacità di memorizzazione e il pensiero riflessivo o induttivo, di acquisire una capacità di lettura con l’utilizzo di linguaggi convenzionali e simbolici, tramite, per esempio, l’uso delle immagini e delle azioni degli animali. Dal punto di vista emotivo, favoriscono l’aumento di vissuti positivi e combattono emozioni negative, promuovono la crescita affettiva e fanno superare le tendenze egocentriche tipiche dell’infanzia, oltre a stimolare l’autostima. Dal punto di vista comportamentale, favoriscono il rilassamento corporeo, diminuiscono l’iperattività e l’aggressività, aiutano ad acquisire regole e comportamenti adattivi.

Possiamo dire allora: tutti promossi! e… ci rivedremo presto fra i banchi di scuola per nuove lezioni con i nostri maestri a 4 zampe!

 

patrizia-lalli-pet-therapy-aosta-cirle-100x100Chi ha scritto questo articolo.
Patrizia Lalli è Referente di intervento, Responsabile di Attività e Coadiutore del Cane negli IAA, Infermiera, Formatrice della Scuola di Pet therapy UAM Torino, Educatrice Cinofila FICSS e Pet Coach.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 Commenti

Lascia un commento