Side Menu

Seguici sui Social!

Ultime News
 
   

Un viaggio intorno al… la Pet Therapy nel mondo!

La Pet Therapy (oggi chiamata Interventi Assistiti con gli Animali) è una disciplina affascinante da qualsiasi lato la si guardi: chi l’ha vissuta in prima persona parla spesso di una sorta di magia che si crea tra l’utente e l’animale coinvolto. Questa magia viene regalata proprio dalla relazione che si insatura tra i soggetti che fanno parte di questa attività e che nasce, principalmente, grazie alla mancanza di giudizio che gli animali hanno insita in loro.

Una delle domande che ci si pone più spesso è: quali animali possono essere coinvolti nella Pet Therapy?

L’Italia, primo paese al mondo, ha una regolamentazione che dal 2015 indica, oltre alle modalità operative, quali sono gli animali coinvolti nei progetti di Pet Therapy. Oltre al fatto di essere animali domestici e non animali selvatici ma abituati nei secoli alla collaborazione con l’essere umano, le linee guida sottolineano precisamente le 5 specie che possono essere chiamate a svolgere questa attività: il gatto, il cane, il coniglio, il cavallo e l’asino.

A questo proposito sorge un’altra domanda, soprattutto se ci definiamo cittadini del mondo e vogliamo gettare uno sguardo aldilà dei nostri confini: cosa accade negli altri paesi? Quali animali vengono coinvolti nei progetti di Pet Therapy?

Da qui nasce la nostra curiosità e questo articolo. Andremo a scoprire alcuni tra i più famosi e particolari progetti di Pet Therapy nel mondo che hanno come protagonisti svariate specie animali molto speciali.

1. ONTARIO, CANADA

Il nostro viaggio parte da qui: è stato avviato un innovativo progetto che coinvolge niente meno che i capibara (il più grosso roditore al mondo). Il progetto viene portato avanti in favore di persone affette da disturbo post traumatico da stress in quanto è stato visto che coccolare e interagire con questo simpatico animale aiuta a ridurre l’ansia e lo stress. Questo effetto calmante è stato anche portato nelle scuole e in alcune RSA.

Fonte

2. CINCINNATI, OHIO, USA

Non è raro, ormai, vedere in diversi aeroporti mondiali i cani entrare a supporto dei futuri passeggeri. In fondo, la fobia dell’aereo è la più diffusa. Ma presso l’aeroporto di Cincinnati, i cani sono affiancati da animali molto speciali: i pony.
La loro simpatia aiuta i passeggeri a ridere e rilassarsi e a pensare meno alla loro paura del volo. Per questa loro caratteristica simpatia, questi animali sono stati recentemente coinvolti, sempre negli USA, in alcuni ospedali come ospiti speciali per aiutare i ricoverati.

Fonte

3. SAN FRANCISCO, USA

Un altro aeroporto, questa volta a San Francisco, presenta uno speciale amico in soccorso di persone e bambini che potrebbero essere preoccupati e spaventati dalla situazione che dovranno affrontare da lì a breve. Questa volta parliamo di maialini che accompagnano i passeggeri ad affrontare la preparazione al viaggio in maniera più spensierata e serena.

Fonte

4. AUSTRALIA

Spostiamoci ora nella terra dei canguri e vediamo che cosa hanno studiato presso una RSA dell’Australia. Alcuni ricercatori e psicologi hanno visto come prendersi cura di qualcuno potesse alleviare alcuni dei principali problemi che affliggono gli ospiti di una RSA: la depressione e la solitudine. Hanno così deciso di introdurre un pollaio all’interno della struttura e di affidare una gallina ad ogni ospite in modo tale che ognuno di loro se ne potesse prendere cura. Ecco che insieme ai girelli e alle carrozzine si vedono le galline girare per i corridoi della struttura e ogni ospite può liberamente coccolare questi fantastici animali.

Fonte

5. CAMBERRA, AUSTRALIA

Il nostro viaggio prosegue verso Camberra, dove alcuni lama e alpaca sono stati coinvolti in un progetto di Pet Therapy in ospedale. Questi simpatici animali, che portano benessere, vivono presso una grande fattoria dove hanno la possibilità di accogliere i bambini in visita e dove possono svolgere attività di supporto e di divertimento.

Fonte

6. THAILANDIA

Un altro progetto molto interessante sia per la Pet Therapy sia per i risvolti animalistici che lo riguardano, ci porta fino in Thailandia dove alcuni volontari hanno salvato dalla schiavitù alcuni elefanti. La grande empatia che questi animali hanno dimostrato, li ha condotti ad essere coinvolti in un progetto che riguarda alcuni bambini autistici e i risultati ottenuti sono stati veramente straordinari. Non a caso, i volontari di questo eccezionale progetto hanno pensato di allargare la platea di utenti a cui rivolgere le attività con gli elefanti cercando, inoltre, di salvarne il più possibile da una pessima condizione di vita.

Fonte

7. ISOLE CANARIE

Il pappagallo è quasi l’animale più presente in alcune isole delle Canarie. Ecco che qui un importante progetto coinvolge proprio questi fantastici uccelli. Alcuni ricercatori hanno notato che la dote della ripetizione delle parole dei pappagalli aiuterebbe molto alcuni pazienti affetti da disturbo bipolare a ritrovare la calma e la serenità, ed è per questo motivo che hanno fatto partire un progetto di Pet Therapy che sfrutta proprio questa loro fantastica capacità.

Fonte

8. FLORIDA

La delfino terapia è forse una delle più famose terapie con gli animali, ed in effetti anche in Italia si svolgevano alcuni progetti riguardanti questi animali nei diversi delfinari. Ma, proprio perché stiamo parlando di un animale selvatico, si è visto come tenere in cattività questi esemplari non fosse proprio etico. In Florida, invece, i delfini girano liberi e spesso si avvicinano autonomamente all’uomo accostandosi alle baie naturali e non presenti sul territorio. Da qui l’idea, da parte di una associazione no profit, di usare il nuoto vicino a questi animali come supporto e divertimento per i bambini con bisogni speciali e per i veterani di guerra.

Fonte

9. AUSTRIA

Dal mare ai monti per andare a scoprire una splendida fattoria e allevamento nelle vallate dell’Austria che coinvolge gli alpaca in progetti in cui sono presenti principalmente i bambini. Splendide attività ed iniziative sono diffuse attraverso il sito internet della fattoria e dove vengono anche presentati al mondo i nuovi nati.

Fonte

Ecco che spostandoci attraverso il mondo, dal Nord America fino alla Thailandia e all’Australia per tornare nella nostra vecchia Europa abbiamo fatto un viaggio nella Pet Therapy meno tradizionale e che coinvolge animali davvero molto particolari ma che hanno tutti in comune la grandissima capacità di saper portare benessere a chi ne ha più bisogno.


Chi ha scritto questo articolo.

Sonia Ciraolo Traduttrice, responsabile di Attività Assistite con gli Animali, Coadiutore del Cane in IAA

 

 

 

 

0 Commenti

Sorry, the comment form is closed at this time.