Side Menu

Seguici sui Social!

Ultime News
 
   

Cani e gatti neutralizzano il virus del Covid-19: le ultime interessanti evidenze scientifiche!

È passato già un anno! Stiamo vivendo questa situazione pazzesca già da 12 mesi, da gennaio 2020 siamo in stato di emergenza per rischio sanitario da Covid e dal febbraio 2020 l’Italia si è colorata delle prime zone rosse. Fin da subito sono apparse in tutto il web simpatiche vignette che decantavano il vantaggio di avere un cane in famiglia per “doverlo portare fuori” a fare pipì ma sono emersi anche dubbi sul possibile ruolo dei nostri animali come veicoli del virus. Le istituzioni sanitarie hanno immediatamente confermato che cani e gatti non trasmettono il Covid e in questi mesi la ricerca scientifica non si è fermata un momento: oltre lo studio della patologia umana, un importante gruppo di lavoro costituito da ricercatori veterinari inglesi e italiani hanno svolto un interessante studio su SARS-CoV-2 (responsabile di Covid-19) in cani e gatti provenienti da diverse regioni del nord Italia fortemente colpite da Covid (soprattutto dalla Lombardia).

Dal lavoro pubblicato il 04.12.2020 su Nature communication: “Evidence of exposure to SARS-CoV-2 in cats and dogs from households in Italy” (Patterson E.I. et al) si evince che nel periodo da marzo a maggio 2020, durante visite veterinarie di routine, sono stati eseguiti campionamenti per un totale di 603 cani e 316 gatti.
Gli animali provenivano sia da famiglia Covid positive, sia da famiglie sospette Covid positive e sia da famiglie Covid negative e su quasi tutti gli animali sono stati eseguiti tamponi e prelievi del sangue.
Le analisi dei tamponi sono risultati “tutti” negativi per SARS-CoV-2 suggerendo l’assenza di infezione attiva, inclusi sia cani e gatti che presentavano malattie respiratorie al momento del campionamento e sia quelli che vivevano in famiglie Covid positive. Dagli esami del sangue sono stati rilevati Anticorpi neutralizzanti SARS-CoV-2 su diversi animali, sia in famiglia positive, sia sospette e sia negative al Covid.

Questo suggerisce che sebbene gli animali da compagnia possano essere contagiati sviluppano risposte anticorpali neutralizzanti e possano dunque veicolare il virus per periodi di tempo relativamente brevi.

Da questo studio è emersa inoltre una relazione tra la positività della famiglia e la positività dell’animale domestico solo per i cani, suggerendo forse una maggiore interazione tra le persone positive e i loro cani domestici rispetto ai gatti, così come è stata riscontrata anche una differenza tra animali positivi maschi e femmine.

Nonostante l’ampio studio e gli interessanti risultati, i ricercatori sostengono che siano necessari ancora ulteriori studi per comprendere come questo virus agisca nei nostri animali al fine di tutelare loro e noi stessi.

Ringraziamo allora il mondo scientifico per il lavoro che sta facendo e restiamo in attesa dei prossimi importanti aggiornamenti!


Chi ha scritto questo articolo.

Deborah Catalano Medico Veterinario esperto in Interventi Assistiti con gli Animali, Responsabile di Attività, Coadiutore del cane, del gatto, del coniglio, dell’asino e del cavallo in IAA, Formatore in Interventi Assistiti con gli animali, Educatore cinofilo CSEN/FICSS

 

 

 

0 Commenti

Sorry, the comment form is closed at this time.